“Sono cresciuta in questo mare di bellezza dove le mie mani e i miei occhi si muovono da sempre curiosi in questi spazi incantati ”

Sono nata a Montalcino nel 1975 e sono cresciuta con le mie sorelle sotto una Grande Quercia.

Il contatto con il bosco, gli animali e tutta la Bellezza intorno a me sono stati, insieme alla mia famiglia, il mio baricentro esistenziale.

La dimensione creativa ha accompagnato sempre la mia Vita grazie a mio babbo Annibale che ci ha cresciute in un ambiente stimolante dove i materiali sono sempre stati pretesto per un dialogo curioso tra mani e fantasia.

Dopo la formazione come illustratrice e quasi un decennio trascorso a Milano, sono rientrata a Montalcino, in Toscana, dove nel 2004 ho aperto la mia bottega artigiana in cima al paese.

Dal 2011 al 2018 mi sono occupata principalmente di scultura di carta, riscuotendo un inatteso quanto benvenuto riscontro di critica e pubblico, con particolare attenzione dalla Rai televisione italiana che spesso ha condiviso il mio percorso.

Nel 2019, un evento familiare mi ha portato a chiudere il laboratorio di Montalcino per ritirarmi nella natura, in pieno contatto con il luogo in cui sono cresciuta.

E così, proprio il mio bosco e la mia terra sono tornati ad essere motivo di dialogo profondo con la mia creatività, in un nuovo percorso artistico fatto di incanto e meraviglia.

Oggi mi occupo principalmente di colori naturali, realizzandoli con le piante e le terre che mi circondano e su cui cammino.

Costruisco i miei pennelli e i miei strumenti, colleziono foglie, semi e oggetti vissuti e arrugginiti che incontro nelle mie passeggiate, assemblandoli con libertà e gratitudine per tutta la loro Bellezza.

Dalle galle di querce e dalle vigne ricavo i miei inchiostri più scuri con cui traccio segni che mischio al ricamo istintivo, potente fonte di meditazione, soprattutto nei mesi invernali.

A contatto con le stagioni alterno, infatti, la mia espressione artistica spesso utilizzando le parole, la poesia e il quaderno d’artista come elementi fondamentali del mio cammino.

La ricerca e la sperimentazione non solo sono il filo conduttore e la spinta quotidiana del mio fare, ma anche la mia forma di meditazione più profonda che amo condividere attraverso i miei laboratori, attraverso il contatto immersivo con la Natura e la meraviglia e invitando a tirare fuori la propria capacità creativa come dono prezioso con cui camminare nel mondo.